Musica e Scrittura: analogie tra componimenti poetici e componimenti musicali #2

Libro con note musicali e lettere

Come le lettere dell’alfabeto sono le parti elementari e indivisibili della voce articolata, da cui sono composte le sillabe, le quali a loro volta compongono i verbi e i sostantivi con cui si forma il testo di un discorso compiuto, così le note sono gli elementi primi della voce cantata, dalla loro combinazione sorgono gli intervalli e dalla combinazione di questi i sistemi musicali (dal “Musica enchiriadis” [dal greco: Manuale di musica] di autore anonimo).

Nella trattatistica della seconda metà del IX secolo emergono già chiare analogie tra funzionamento del sistema linguistico e quello musicale.
Dalle lettere dell’alfabeto che non possono essere mescolate casualmente tra loro, si passa alle note che altrettanto devono essere scelte per produrre un effetto armonioso.

L’armonia, quindi, si genera attraverso elementi in accordo tra loro.

Componimenti poetici e composizioni musicali vengono costruiti utilizzando strutture regolari, tali strutture migrano dalle forme poetiche nella musica in maniera diretta: brani musicali così realizzati sono costituiti di sezioni omogenee per ampiezza e numero di elementi, seguendo le norme metriche della poesia.

Molti trattatisti teorizzano riguardo alle corrispondenze tra linguaggio e musica, un altro interessante parallelo è tra la struttura del discorso in retorica e quello in musica, quindi, anche le melodie finiscono per avere un principio uno svolgimento e una fine, proprio come un ben congegnato discorso fatto di parole.

Le analogie possono essere davvero tante.

le frasi musicali hanno un incipit, proprio come un qualsiasi testo letterario; possono contenere domande e risposte; si sviluppano in certi casi con un crescendo, come una conversazione che cerchi di essere convincente e piena di pathos; possono simulare il senso delle parole (come una scala ascendente che tratteggi la parola “salire” o una scala o un accordo discendente che simuli la parola “inferno”); addirittura possono riprodurre il canto degli uccelli, con dovizia di espedienti, o i rumori prodotti da una battaglia.

Il discorso delle analogie non finisce qui, ovviamente, questa è solo l’esile punta di un iceberg. Le possibilità di associare testi e musica sono davvero infiniti e presentano mille sfumature: dalla percezione in un testo letterario di ritmo e musicalità, al tono di conversazione o dialogo di un brano musicale.

Questa voce è stata pubblicata in musica, scrittura e taggata come , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *