Morte a tempo di swing: Prologo

concerto jazzIl colpo assordante troncò di netto il swing.

La penombra del locale si animò. Un fitto brusio serpeggiò tra il pubblico, mentre le ultime note di Sing Sing Sing si mescolavano allo scalpiccìo dei piedi e al rumore delle sedie trascinate.

Le luci vennero accese senza preavviso: pubblico e musicisti erano frastornati, indecisi su quale direzione prendere, finché un grido spazzò via gli ultimi residui musicali nell’aria.

Così inizia il secondo capitolo delle avventure di Edmond e dei suoi amici, questa volta impegnati in due casi che sembrano già risolti, con i colpevoli a portata di mano, ma come sempre le cose non stanno come sembrano…

Morte a tempo di swing

Questa voce è stata pubblicata in lettura, scrittura. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.